Molte persone soffrono … può essere un dolore acuto o noioso, pulsante, di breve durata, ricorrente o cronico.

Esistono molte fonti di dolore: emicrania, dolori articolari e muscolari, lombare, cervicale, dolore dentale, ecc. Per trattarli, la medicina offre antidolorifici, che sono ampiamente usati, così come altri farmaci (antiepilettici, oppioidi, antidepressivi) con effetti a volte potenti che possono anche causare effetti collaterali: dipendenza, tossicità a volte portando alla morte.

Le fonti del dolore

Le fonti del dolore non sono completamente identificate, ma l’ipotesi più probabile sembra essere un problema di ipersensibilità e ipereccitabilità dei nervi. Questa ipersensibilità potrebbe essere collegata a un basso livello di GABA o troppo pochi recettori GABA (un neurotrasmettitore).

Le persone con depressione o disturbo di somatizzazione hanno maggiori probabilità di sviluppare dolore cronico.

Il dolore appare più spesso dopo un infortunio, una malattia o un’infiammazione ed è mantenuto da stress ed emozioni negative. Il dolore può svolgere un ruolo benefico quando funge da segnale che esiste un problema da risolvere. Ma quando occupa troppo spazio, diventa disabilitante.

Dolore infiammatorio

Il dolore infiammatorio si manifesta più spesso con arrossamento, calore e gonfiore. Il dolore può essere acuto e di solito si irradia dall’area infiammata. Il trattamento più comune è la prescrizione di farmaci antinfiammatori non steroidei, che limitano il processo infiammatorio inibendo la produzione di prostaglandine. Ma questi trattamenti non sono privi di effetti collaterali. Il digiuno ha proprietà antinfiammatorie, ma potrebbe non essere adatto a tutti.

La dieta chetogenica imita gli effetti del digiuno pur essendo più facile e più piacevole da seguire.

È caratterizzato da un grande apporto di lipidi, proteine ​​adeguate e basso contenuto di carboidrati. È una dieta nota per trattare efficacemente l’epilessia. Negli ultimi anni, sono in corso ricerche per utilizzare la dieta chetogenica in altri casi di patologie fisiologiche o psichiatriche. Poiché i farmaci per l’epilessia sono spesso prescritti per trattare il dolore, vale la pena guardare la dieta chetogenica per il dolore.

Una tesi sugli effetti della dieta chetogenica per combattere il dolore

Una tesi pubblicata nella primavera del 2016 presso la Facoltà di Neuroscienze del Trinity College studia l’effetto di una dieta chetogenica sul dolore infiammatorio. Questa tesi si basa su uno studio condotto sul modello di ratto. I ratti maschi sono stati iniettati con i batteri della tubercolosi uccisi a caldo, che inducono un’infiammazione permanente. Metà della coorte è stata alimentata con una dieta di controllo e l’altra metà è stata alimentata con la dieta chetogenica.

Secondo i risultati di questo studio, la dieta chetogenica ha effettivamente la capacità di ridurre l’infiammazione e in particolare il gonfiore legato all’infiammazione e al dolore. L’autore della tesi si interroga sui motivi di questa proprietà antinfiammatoria.

Possibili spiegazioni

Può essere correlato alla limitazione dei carboidrati, che provoca un calo della glicemia e quindi un miglioramento dell’infiammazione, diminuendo alcune citochine che esercitano un effetto infiammatorio.

Può anche essere correlato ai chetoni, che producono un effetto anti-convulsivo (antiepilettico) e quindi riducono l’eccitabilità dei nervi.

Si può anche porre la domanda sulla maggiore efficienza dei corpi chetonici per nutrire il cervello. Sembrano essere in grado di fornire più ATP per unità rispetto al glucosio e aumentare il numero di mitocondri. Molti problemi neurologici sono legati alla disfunzione mitocondriale e quindi alla dieta chetogenica, che porta ad un aumento dei mitocondri e una migliore efficienza di questi migliorerà la funzione metabolica e porterà un miglioramento terapeutico del dolore.

Questa tesi si conclude specificando che i primi dati sull’alleviamento del dolore infiammatorio con l’uso di una dieta chetogenica sono molto incoraggianti, anche se ancora troppo pochi. Altri studi, in particolare sul dolore infiammatorio intestinale e sull’artrite, sarebbero utili per confermare questa ipotesi.

In ogni caso, migliorare il dolore con un approccio efficace non invasivo senza effetti collaterali indesiderati può essere una soluzione per milioni di persone che soffrono di dolore cronico o preferiscono la medicina alternativa.

Fonte: http://digitalrepository.trincoll.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=1606&context=theses

Livia S. Wyss, Gli effetti della dieta chetogenica (KD) sul dolore infiammatorio Trinity College, Connecticut, Stati Uniti Primavera 2016