Diete a basso contenuto di carboidrati o chetogeniche sono state usate per trattare l’epilessia dagli anni ’20 e in alcuni casi possono eliminare completamente la necessità di cure mediche. Dagli anni ’60, la dieta chetogenica è diventata uno dei metodi più comuni per il trattamento dell’obesità.

Nell’ultimo decennio, il potenziale terapeutico delle diete chetogeniche è stato dimostrato in molte condizioni patologiche come la sindrome dell’ovaio policistico, il diabete, l’acne, le malattie neurologiche e il miglioramento dei fattori di rischio per le malattie respiratorie e cardiovascolari.
In questo articolo ci concentreremo sugli aspetti medici della dieta chetogenica.
Le prime ricerche suggeriscono che questa dieta ricca di grassi e povera di carboidrati può alleviare o curare completamente diverse malattie.
Sebbene alcune delle prove provengano da casi studio e studi sugli animali, anche i risultati di studi sull’uomo controllati sono promettenti.

Sindrome metabolica

La sindrome metabolica, spesso indicata come prediabete, è caratterizzata da insulino-resistenza.
La diagnosi di “sindrome metabolica” può essere fatta se si soddisfano 3 di questi criteri:

  • Aumento dei trigliceridi: 150 mg / dl (1,7 mmol / L) o superiore.
  • -Una grande circonferenza della vita: 90 cm o più per le donne e 105 cm o più per gli uomini.
  • -Alta pressione sanguigna: 130/85 mm Hg o superiore.
  • Aumento della glicemia a digiuno: 100 mg / dL (5,6 mmol / L) o superiore.
  • -Basso colesterolo HDL: meno di 40 mg / dL (1,04 mmol / L) negli uomini e meno di 50 mg / dL (1,3 mmol / L) nelle donne.

Le persone con sindrome metabolica sono ad aumentato rischio di diabete, malattie cardiache e altri gravi disturbi legati all’insulino-resistenza.
Fortunatamente, seguire una dieta chetogenica può migliorare molte caratteristiche della sindrome metabolica. I benefici possono includere livelli di colesterolo migliori, oltre a ridurre la glicemia e la pressione sanguigna.
In uno studio controllato di 12 settimane, le persone con sindrome metabolica hanno perso il 14% del grasso corporeo con una dieta chetogenica a basso contenuto calorico. Hanno ridotto i trigliceridi di oltre il 50% e hanno mostrato numerosi altri miglioramenti in vari test.

conclusione

Le diete chetogeniche possono ridurre l’obesità addominale, i trigliceridi, la pressione sanguigna e lo zucchero nel sangue nelle persone con sindrome metabolica.

epilessia

L’epilessia è una malattia causata da convulsioni causate da un’eccessiva attività cerebrale.
I farmaci per le convulsioni sono efficaci per alcune persone con epilessia. Tuttavia, altri non rispondono al farmaco o non possono tollerarne gli effetti collaterali.
Di tutte le malattie che possono beneficiare di una dieta chetogenica, l’epilessia ha superato di gran lunga la maggior parte degli studi e delle prove. Ci sono diverse dozzine di studi sull’argomento.

La ricerca mostra che le convulsioni migliorano in circa il 50% dei pazienti con epilessia che seguono la classica dieta chetogenica. Questa classica dieta chetogenica è anche conosciuta come dieta 4: 1 perché contiene quattro volte più grassi di proteine ​​e carboidrati.

La dieta Atkins modificata (MAD) si basa su un rapporto 1: 1 significativamente meno restrittivo di grassi rispetto a proteine ​​e carboidrati. È stato dimostrato che è altrettanto efficace per il controllo delle crisi nella maggior parte degli adulti e dei bambini di età superiore ai due anni.

La dieta chetogenica può anche avere benefici per il cervello che vanno oltre il controllo delle crisi.

Ad esempio, quando i ricercatori hanno studiato l’attività cerebrale dei bambini con epilessia, hanno riscontrato miglioramenti nei diversi schemi cerebrali nel 65% di quelli che seguono una dieta chetogenica, indipendentemente dal fatto che abbiano avuto meno convulsioni.

conclusione

È stato dimostrato che le diete chetogeniche riducono la frequenza e la gravità delle convulsioni in molti bambini e adulti con epilessia che non rispondono bene alla terapia farmacologica.

Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS)

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è una malattia caratterizzata da disturbi ormonali e spesso porta a periodi irregolari e infertilità.
Uno dei loro tratti distintivi è l’insulino-resistenza. Molte donne con PCOS sono obese e fanno fatica a perdere peso. Anche le donne con PCOS sono ad aumentato rischio di diabete di tipo 2.
Coloro che soddisfano i criteri per la sindrome metabolica tendono ad avere sintomi che influenzano il loro aspetto. Gli aspetti possono includere aumento dei peli sul viso, acne e altri segni di mascolinità associati a livelli più alti di testosterone.
In uno studio di 6 mesi su 11 donne con PCOS, la perdita di peso è stata in media del 12% dopo una dieta chetogenica. Anche l’insulina a digiuno è diminuita del 54% e migliorata
Livelli ormonali riproduttivi. Due donne che soffrivano di infertilità sono rimaste incinte.

conclusione

Di conseguenza, le donne con PCOS possono sperimentare perdita di peso, diminuzione dei livelli di insulina e miglioramento della funzione ormonale riproduttiva se seguono una dieta chetogenica.

autismo

Disturbo dello spettro autistico (ASD) si riferisce a una condizione caratterizzata da problemi di comunicazione, interazione sociale e, in alcuni casi, comportamenti ripetitivi. Di solito viene diagnosticato durante l’infanzia e trattato con logopedia e altre terapie.
L’autismo condivide alcuni tratti con l’epilessia; molte persone con autismo sperimentano convulsioni legate alla sovraeccitazione delle cellule cerebrali.
Gli studi dimostrano che la nutrizione chetogenica riduce la sovraeccitazione e l’autismo delle cellule cerebrali.
Uno studio pilota su 30 bambini con autismo ha rilevato che 18 hanno mostrato un miglioramento dei sintomi dopo aver seguito una dieta chetogenica ciclica per 6 mesi.
In un caso di studio, una ragazza con autismo che ha seguito per diversi anni una dieta chetogenica priva di glutine e latticini ha registrato notevoli miglioramenti. Questi includevano l’eliminazione dell’obesità patologica e un aumento del QI di 70 punti.
Studi controllati che esaminano gli effetti di una dieta chetogenica nei pazienti con ASD sono ora in corso o sono in fase di assunzione.

conclusione

Quindi le prime ricerche suggeriscono che alcune persone con disturbi dello spettro autistico potrebbero sperimentare miglioramenti comportamentali quando le diete chetogeniche vengono utilizzate in combinazione con altre terapie.

diabete

Le persone con diabete possono sperimentare un’impressionante riduzione dei livelli di zucchero nel sangue attraverso una dieta chetogenica. Questo vale sia per il diabete di tipo 1 che per quello di tipo 2.
In effetti, decine di studi controllati mostrano che una dieta a basso contenuto di carboidrati può aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue e offrire anche altri benefici per la salute.
In uno studio di 16 settimane, 17 persone su 21 a dieta chetogenica sono state in grado di interrompere o ridurre il dosaggio dei farmaci per il diabete. I partecipanti allo studio hanno anche perso in media 8,7 kg e ridotto le dimensioni della vita, i trigliceridi e la pressione sanguigna.
In uno studio di 3 mesi che confronta una dieta chetogenica con una dieta a base di carboidrati moderata, le persone del gruppo chetogenico hanno ridotto l’HbA1c in media dello 0,6%. Il 12% dei partecipanti ha raggiunto un HbA1c inferiore al 5,7%, il che è considerato normale.

conclusione

Le diete chetogeniche hanno dimostrato di abbassare i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete. In alcuni casi, i valori tornano a un intervallo normale, il farmaco può essere sospeso o ridotto.

Morbo di Parkinson

Il morbo di Parkinson (MdP) è un disturbo del sistema nervoso caratterizzato da bassi livelli della molecola di segnalazione dopamina.
La mancanza di dopamina provoca vari sintomi, tra cui difficoltà a camminare e scrivere, cattiva postura, tremori e rigidità.
A causa dell’effetto protettivo della nutrizione chetogenica sul cervello e sul sistema nervoso, viene studiata come possibile terapia complementare per il morbo di Parkinson.
In uno studio non controllato, sette persone con PD hanno seguito una dieta chetogenica classica 4: 1. Dopo 4 settimane, cinque hanno mostrato un miglioramento dei sintomi in media del 43%.
L’impatto di una dieta chetogenica sulla malattia di Parkinson è un’area che richiede ulteriori studi controllati.

conclusione

La dieta chetogenica ha mostrato risultati promettenti negli studi sugli animali e sull’uomo per migliorare i sintomi del morbo di Parkinson. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche di alta qualità.