La crema è quasi un tuttofare. Sia per addensare la salsa che per aggiungere la panna alla torta, gli usi sono molteplici. Ma è adatto anche a una dieta chetogenica? Se cerchi di perdere peso per via chetogenica, non solo devi assicurarti di avere un deficit calorico, ma anche di consumare abbastanza grassi e meno carboidrati possibile. Perché anche se segui una dieta chetogenica, ciò non significa che le calorie non abbiano più un ruolo. In breve, finché sei in un surplus calorico, non perderai nemmeno peso. Grazie al suo alto contenuto di grassi, la crema sembra fatta apposta per un ketarian. Ma è davvero così?

Di cosa è fatta la crema?

La panna è un prodotto lattiero-caseario che ha un contenuto di grassi di almeno il 10%. È costituito da grasso di latte, chiamato anche panna. Questo si deposita sul latte non trattato e galleggia in superficie. Il trattamento del latte impedisce questo processo. Questa si chiama omogeneizzazione. A causa del contenuto di grassi molto più elevato, la panna di solito contiene meno proteine ​​del latte, ma più vitamine liposolubili rispetto al semplice latte.

Nella produzione industriale, la maggior parte del grasso viene rimossa dal latte mediante centrifugazione. Ciò si traduce in una crema molto ricca di grassi e latte scremato. Questo processo è chiamato scrematura. Segue un trattamento termico della crema. È lo stesso del trattamento termico del latte. Successivamente, i processi differiscono a seconda del prodotto finale desiderato. Se si vuole fare una crema dolce, si mette in frigorifero per 2-5 giorni e poi si imbottiglia. Quando si fa la panna acida, invece, viene prima inoculata con fermenti lattici e poi incubata per 1-2 giorni a circa 20-40°C. Solo così si può farcire la crema.

Crema nella dieta chetogenica

A prima vista, sembra che la crema sia perfetta per una dieta chetogenica. Infatti, a seconda della variante di prodotto, la panna ha un contenuto di grassi più o meno elevato, che la rende una fonte di energia ad alto contenuto di grassi. Inoltre, la crema contiene più vitamine liposolubili rispetto al latte. Questo lo rende un’aggiunta migliore al caffè, ad esempio, rispetto al latte, ad esempio. Il grasso del latte che lo compone è anche abbastanza digeribile e facilmente digeribile.

Tuttavia, dovresti sapere che la crema è buona per una dieta chetogenica grazie al suo maggiore contenuto di grassi, ma ha anche molte calorie. Almeno per quanto riguarda alcune varianti. Questo potrebbe essere svantaggioso durante la dieta, poiché ne consumerai troppo rapidamente. Inoltre, come tutti i latticini convenzionali, contiene lattosio, il che lo rende una fonte di cibo meno adatta a te se sei intollerante al lattosio. A seconda della varietà, la panna ha una proporzione di carboidrati paragonabile a quella del latte. Anche per questo motivo bisogna fare attenzione a quanto ne si consuma, visto che bisogna fare attenzione all’assunzione di carboidrati con una dieta chetogenica, oltre che con una dieta chetogenica semplice. Inoltre, i grassi contenuti nei prodotti animali come la crema sono prevalentemente acidi grassi saturi.

Prodotti in crema

I seguenti prodotti possono essere realizzati con crema dolce:

  • Doppia crema
  • Panna montata
  • Crema al caffè

La doppia panna contiene la maggior parte dei grassi con almeno il 40%, seguita dalla panna montata con un minimo del 30% di grassi. In confronto, la crema al caffè ha un contenuto di grassi molto più piccolo di almeno il 10%. Quindi, se la guardi da questo lato, la doppia crema sarebbe più adatta per una dieta chetogenica. Almeno in termini di contenuto di grassi. La doppia panna ha anche più calorie delle altre varianti per lo stesso motivo, a cui devi prestare attenzione se stai puntando alla perdita di peso attraverso una dieta chetogenica.

D’altra parte, questi prodotti possono essere fatti con panna acida:

  • Crema fresca
  • Panna acida
  • Panna acida

Qui la crème fraîche è il pioniere in termini di più alto contenuto di grassi. Questo lo mette prima della panna acida con almeno il 30% di grassi. Questo di solito ha tra il 20 e il 24% di grassi. Segue la panna acida, che contiene almeno il 10% di grassi. Anche con queste tre varianti la proporzione di grassi è determinante per il contenuto calorico. Ciò significa che la crème fraîche è significativamente più ricca di calorie rispetto alla semplice panna acida. Pertanto, se decidi per un’opzione che ha più calorie, devi assicurarti di gustarla in porzioni più piccole. Può sembrare più interessante in termini di contenuto di grassi per una dieta chetogenica, ma dovresti comunque essere consapevole di quanto ne stai consumando.

Conclusione

In conclusione, si può dire che puoi incorporare la crema nella tua dieta chetogenica, ma non è la dieta dimagrante definitiva. È adatto per arricchire varie salse o come aggiunta al caffè, ma non dovresti ignorare il suo contenuto calorico. È particolarmente importante indipendentemente dalla dieta, questo vale anche per quella chetogenica, che tu tenga sempre traccia di tutto il tuo apporto calorico. Ecco come dovresti assicurarti di avere un deficit calorico.

È anche essenziale con la dieta chetogenica che tu sia consapevole di quanti carboidrati stai consumando. Se ne consumi troppo, rischi di lasciare di nuovo la chetosi o addirittura di non entrare nella chetosi in primo luogo. Di conseguenza, non dovresti dimenticare la quantità di carboidrati che contiene la crema e quindi goderteli con moderazione.

Altrimenti, la crema è un modo semplice per aumentare leggermente l’assunzione di grassi, se dovessi avere difficoltà a integrare abbastanza grassi nella tua vita quotidiana. Questo rende la crema in piccole porzioni adatta per una dieta chetogenica.