Nel post sul blog di oggi, esamineremo la questione se tu possa o meno includere il digiuno intermittente nella dieta chetogenica.

La dieta chetogenica non è tutto …

È importante che tu sappia che nel tuo percorso dietetico chetogenico, il tuo successo non è determinato solo dal consumo di abbastanza grassi e proteine ​​e dalla limitazione dei carboidrati.

Riguarda anche quando mangi, quanto spesso mangi e quanto mangi. Tutto ciò ha un impatto significativo sulla tua salute e sul funzionamento del tuo corpo.

Il digiuno è non richiesto perdere peso con la dieta chetogenica. Se non funziona per te, non farlo. Limitare irrealisticamente te stesso è inutile: non ne vale la pena se non ti rende infelice.

Dobbiamo prima capire 2 concetti di base: alimentazione e digiuno.

Il tuo corpo è in uno stato di alimentazione quando stai mangiando cibo e tra i pasti, quando non stai mangiando, il tuo corpo è in uno stato di digiuno.

Metodi di digiuno intermittente

Ecco alcuni punti importanti quando si parla di digiuno intermittente:

  • Pasti saltati: questo è il pasto che viene saltato per iniziare il digiuno. Normalmente, le persone scelgono la colazione mentre gli altri preferiscono saltare il pranzo.
  • Periodo alimentare: concentra l’assunzione totale di macronutrienti da 4 a 7 ore al giorno. Il resto del tempo digiunerai.
  • 24-48 ore di digiuno di pulizia: qui inizi un periodo di digiuno prolungato e non mangi per 1-2 giorni.

Non è consigliabile provare immediatamente l’opzione 1-2 giorni, ma piuttosto provare prima a limitarsi a determinati periodi di alimentazione. Ad esempio, puoi limitarti dalle 17:00 alle 23:00 per l’alimentazione.

Sta a te decidere se farlo ogni giorno, due volte alla settimana o solo una volta alla settimana: fai quello che ti piace di più e ascolta il tuo corpo.

Come funziona il digiuno intermittente?

Lo scopo del digiuno a intervalli è limitare la quantità di cibo che possiamo consumare a 1 o 2 pasti al giorno. Naturalmente, il nostro corpo può consumare solo una certa quantità di cibo alla volta, quindi limitiamo il nostro apporto calorico.

Il tuo corpo si abituerà al digiuno e non ti sentirai affamato come prima. In questo modo, puoi calcolare e mantenere correttamente il valore nutrizionale della tua assunzione.

In questo stato di digiuno, il nostro corpo può scomporre il grasso aggiuntivo immagazzinato per l’energia di cui abbiamo bisogno. Quando siamo in chetosi, il nostro corpo sta già imitando uno stato di digiuno perché abbiamo poco o nessun glucosio nel nostro sangue. Questo è il motivo per cui usiamo i grassi nel nostro corpo come energia.

Il digiuno a intervalli usa lo stesso ragionamento: invece di usare i grassi che mangiamo per produrre energia, usiamo il grasso immagazzinato. Devi tenere a mente che dovrai mangiare più grasso in seguito per assumere i macronutrienti quotidiani (molto importante!). Se mangi troppo grasso, immagazzinerai l’eccesso.

Il digiuno non è solo buono per la perdita di peso. Ci sono anche altri vantaggi di cui discuteremo.

Vantaggi del digiuno intermittente

Ci sono una serie di vantaggi che derivano dal digiuno a intervalli. Alcuni di essi includono livelli di lipidi nel sangue, longevità e livelli di testosterone. Di seguito sono riportati alcuni motivi per cui il digiuno a intervalli, insieme a una dieta chetogenica, è l’ideale:

  • Chiarezza mentale – Una volta che il tuo corpo è adattato al chetogeno, il cervello può lavorare efficacemente con i chetoni derivati ​​dalla perdita di grasso nel fegato. Il grasso è considerato uno dei carburanti più efficienti dal punto di vista energetico per il tuo corpo e il cervello consuma molta energia.
    • Anche se il tuo corpo non riceve il glicogeno, può fare affidamento sull’abbondanza di grassi dagli alimenti che mangi e immagazzini. Ciò significa che il cervello può lavorare sempre alla massima potenza. Quando inizi ad abituarti al digiuno, dovresti iniziare a digiunare naturalmente. Questo significa mangiare solo quando hai fame. Non progettare di digiunare – lascia che accada naturalmente.
  • Idoneità – Il digiuno durante l’esercizio fisico può portare a una serie di benefici a lungo termine, tra cui:
    • Regolazioni metaboliche più elevate – Gli studi dimostrano che le prestazioni di allenamento aumentano nel lungo periodo.
    • Sintesi muscolare migliorata – Gli studi dimostrano che la crescita muscolare aumenta quando ti alleni in uno stato vuoto e usi il giusto apporto di nutrienti.
    • Migliore risposta ai pasti dopo l’allenamento – Gli studi hanno dimostrato che un rapido assorbimento dei nutrienti dopo un allenamento intenso può portare a risultati migliori.

Quanto tempo possiamo durare senza cibo

Una volta che inizi a digiunare, potresti avere fame e persino la tua mente potrebbe reagire alla minaccia della fame.

Il Mahatma Gandhi è sopravvissuto per 21 giorni senza cibo consumando solo piccoli sorsi d’acqua. In tempi in cui gli umani non avevano cibo o acqua, potevano sopravvivere da 10 a 14 giorni.

Piano di digiuno di 3 giorni

Se vuoi aumentare i livelli di chetoni, entrare più rapidamente nella chetosi o aumentare il metabolismo chetogenico, prova questo protocollo di digiuno di 3 giorni:

giovedì sera
– Mangia una cena chetogenica e rendilo l’ultimo pasto della giornata. Vai a letto come al solito.

venerdì mattina
– Fai una passeggiata entro 30 minuti dal risveglio. Beve caffè o tè se necessario. Tuttavia, è meglio limitare l’assunzione di caffeina, poiché ciò ti aiuterà a espellere più minerali e liquidi del solito.
– Prendi almeno 1 litro di acqua con un po ‘di sale non raffinato e bevilo durante la camminata per evitare i crampi.
– Camminare per 3-4 ore e bere acqua se necessario.
– Utilizzare il tempo in modo produttivo, come fare telefonate o simili.
– L’idea alla base di questa passeggiata è che usi il deposito di glicogeno e costringi il tuo corpo ad andare più veloce nella chetosi profonda. Più velocemente entri nella chetosi, meno tempo ti sentirai “svuotato”.
– Se si preferisce abbreviare l’intervallo di tempo, è anche possibile eseguire un intenso allenamento di 45-60 minuti.

Venerdì dopo la passeggiata
– Prendi olio MCT o olio di cocco 2-3 volte durante il giorno. Questo ti darà energia fino a quando i livelli di chetoni non aumentano naturalmente.

sabato mattina
– Testare i chetoni nel sangue dopo il risveglio. I chetoni dovrebbero essere almeno 0,7 mmol.
– Se sei a 0,7 mmol, continua semplicemente a digiunare.
– Se hai meno di 0,7 mmol, considera un’altra camminata lunga e prova di nuovo.

Sabato e domenica durante il giorno
– Aggiungi più olio MCT o olio di cocco se hai bisogno di una spinta. Possono essere esclusi se si è già in una chetosi profonda.
– Aggiungi alcuni sali all’acqua che bevi. Questo può essere un sale da tavola o un sale speciale con sostituzione dell’elettrolita (possibilmente in forma di compresse).

domenica sera
– Smetti di digiunare con il tuo pasto chetogenico preferito!

Conclusione

Il digiuno a intervalli e la nutrizione chetogenica si completano perfettamente per perdere peso in modo efficace, iniziare il metabolismo chetogenico e migliorare la salute generale.

Ricorda che il digiuno a intervalli non è qualcosa per tutti. Se noti che stai avendo problemi a digiuno, basta fermarlo e continuare con la tua dieta chetogenica.

Hai già provato il digiuno? Come è stata la tua esperienza?

Grazie per aver letto,