Perché ingrassiamo?

Il consumo eccessivo di cibo non fa ingrassare. In realtà, è esattamente il contrario, è il grasso che porta a mangiare troppo. Ecco la dichiarazione del Dr. David Ludwig, specialista in obesità e professore di nutrizione ad Harvard.

“Sembra eccessivo, ma è passato un secolo da quando questo fenomeno è stato confermato da studi scientifici. Dice il dottor Ludwig in un’intervista al New York Times.

Ma poi, se il consumo eccessivo di cibo non è la causa dell’attuale epidemia di obesità, qual è la vera causa? Ci sono due cose da considerare, secondo il libro del Dr. Ludwig “Sempre affamato”, che tratta di alimenti che fungono da fertilizzanti per le cellule di grasso.

Il ruolo dell’insulina

Innanzitutto, ciò che consumiamo è problematico. “La dieta a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di carboidrati che abbiamo adottato per 40 anni aumenta il livello di insulina dell’ormone e programma le cellule adipose affinché funzionino nella modalità di accumulo calorico. Considero l’insulina un ottimo fertilizzante per cellule adipose. “

Le calorie sono immagazzinate così bene nelle cellule adipose che il corpo non può accedervi per usarle come combustibile. Ciò significa che siamo sempre affamati perché il corpo sta chiedendo carburante utilizzabile e mangiare di meno peggiora il problema indipendentemente dalla sua vera causa.

La fame rallenta il metabolismo

“Quando le calorie sono ridotte, il corpo risponde aumentando la fame e rallentando il metabolismo”, afferma il dott. Ludwig. “Vediamo l’obesità come uno stato di eccesso, quando in realtà è uno stato di fame. Le cellule adipose immagazzinano troppe calorie e il cervello non ne ha abbastanza per mantenere attivo il metabolismo. Il cervello quindi invia un messaggio di fame al fine di risolvere il problema, e noi mangiamo troppo per sentirci meglio a breve termine. Ma se le cellule adipose continuano a immagazzinare troppe calorie, ci ritroviamo bloccati in un incessante ciclo di eccesso di cibo e aumento di peso. Il problema non sono le calorie in eccesso immagazzinate nelle cellule adipose, ma la mancanza di calorie che circolano nel sistema sanguigno … riducendo le calorie ingerite non può funzionare. Questo è ciò che rende la perdita di peso sempre più difficile quando si segue la dieta a basso contenuto calorico standard. “

Il fattore genetico

In secondo luogo, il problema è genetico. Le persone magre e le persone grasse non sono così diverse, ma questo spiega perché la stessa dieta può portare a risultati completamente diversi in due individui separati. Tutti noi abbiamo un peso di “equilibrio” che sembra geneticamente predeterminato. “Se ereditiamo i geni dell’obesità dai nostri genitori, la risposta biologica che gestisce il peso lo porterà a un livello superiore rispetto a quello di qualcuno che non ha ereditato questi geni. Abbiamo seguito i cattivi consigli per troppo tempo. Dieta non deve essere così difficile. La chiave per una perdita di peso sostenibile non è quella di contare le calorie, ma di mangiare in modo da ridurre l’insulina, calmare l’infiammazione cronica e, di conseguenza, ridurre il peso a un livello inferiore. . “

Si tratta più di mangiare più nutrizionalmente dei numeri. Le raccomandazioni nutrizionali vengono infine riviste poiché la scienza della nutrizione è in continua evoluzione. Quest’anno, lo zucchero è identificato come il nemico numero 1. Negli Stati Uniti, le nuove raccomandazioni consigliano di abbassare il livello di zucchero, e in particolare lo zucchero aggiunto al 10% delle calorie giornaliere. Le raccomandazioni australiane, che sono state riviste nel 2013, lasciano un po ‘più di spazio all’interpretazione. Raccomandano di consumare zucchero aggiunto “a volte e in piccole quantità”. Le raccomandazioni australiane e americane raccomandano sempre grassi dietetici bassi e ridotti e si basano sempre sui cereali (per lo più completi) per fornire fibre e carboidrati.

Haro su zucchero

Le raccomandazioni del Dr. Ludwig differiscono da queste raccomandazioni. Il suo programma di dieta è di rinunciare a tutti i carboidrati industriali, zuccheri aggiunti e cereali nelle prime due settimane. Egli consiglia di scegliere verdure, frutta e fagioli non amidacei come fonte di carboidrati durante questa fase di adattamento. Dopo due settimane, reintroduce alcuni cereali integrali, patate (ma non bianche) e un po ‘di zucchero da tavola. Non ha paura dei lipidi (mentre i regolamenti ufficiali raccomandano di limitare il grasso saturo al 10% della razione calorica giornaliera.

Grassi buoni

Incoraggia anche i lipidi, quando provengono da fonti alimentari intere, come avocado, olio extra vergine di oliva e semi di lino. “Il modo più rapido per ridurre l’insulina è rinunciare a tutti i carboidrati industriali e trovare il giusto equilibrio di proteine ​​e grassi nella dieta. Una dieta ricca di grassi è davvero il modo più veloce per cambiare il metabolismo. Ciò riduce la produzione di insulina, calma le cellule adipose e ti aiuta a sfuggire al circolo vizioso di fame, brufoli e eccesso di cibo.

Ti permette anche di sfuggire al calvario del conteggio delle calorie, che non è mai più di un gioco di numeri. “Ridurre le calorie consumate non porterà cambiamenti fisiologici. Per ottenere cambiamenti fisiologici, è la scelta del cibo consumato che deve essere rivista. “

Sarah Berry

http://www.smh.com.au/lifestyle/diet-and-fitness/fat-fertilisers-why-overeating-is-not-making-you-fat-20160112-gm3xuh.html