Nella nostra società oggi gli antibiotici sono quasi onnipresenti. Li usiamo per sbarazzarci di tutti i tipi di malattie batteriche. Quindi possono essere un buon strumento per aiutarci a combattere quest’ultimo. In alcuni casi, puoi persino salvare delle vite! Tuttavia, il tutto ha anche un lato estremamente negativo. Dalla resistenza, numerosi effetti collaterali, ai successori. Gli antibiotici possono avere un impatto significativo su di noi e sul nostro corpo e non sempre per il meglio.

Cosa sono gli antibiotici?

Un antibiotico è un farmaco che ha un effetto antibatterico. Ciò significa che può essere utilizzato contro le infezioni batteriche. Tuttavia, se la malattia è virale, gli antibiotici non possono aiutare.

Inizialmente, un antibiotico era considerato un metabolita a basso peso molecolare di batteri o funghi, che può uccidere altri microrganismi o inibirne la crescita. Al giorno d’oggi, anche le sostanze antimicrobiche formate naturalmente sono considerate antibiotici. Questi possono essere prodotti sinteticamente, parzialmente sinteticamente o geneticamente.

La modalità di azione di un antibiotico varia a seconda della specie: alcuni sono in grado di inibire la sintesi della parete cellulare, come le penicilline, mentre altri possono inibire la biosintesi delle proteine ​​sul ribosoma, incluso il cloramfenicolo. Altri antibiotici possono agire sugli acidi nucleici batterici.

Ma qual è il problema?

Come quasi tutti i medicinali, gli antibiotici hanno numerosi effetti collaterali. Molti di loro sono più o meno ben tollerati, ma possono interrompere la nostra flora intestinale e causare problemi con le allergie. Le infezioni fungine sono anche considerate un effetto collaterale. Ma questi sono solo alcuni degli effetti negativi a cui gli antibiotici possono essere associati, anche se di solito sono temporanei.

Inoltre, gli antibiotici interagiscono con altri farmaci e possono influenzarli. Hanno anche un impatto su cibi di lusso, come alcol o caffè. Un altro punto è che vari antibiotici con prodotti lattiero-caseari possono essere inattivati ​​a causa degli ioni calcio che contengono, il che annulla i loro effetti.

Nel frattempo, l’aumento della resistenza sta giocando un ruolo importante. Questo accade come segue: si ottiene un’infezione batterica e viene prescritto un antibiotico. Ora dovresti eseguire la terapia con l’antibiotico per un certo numero di giorni. Succede che alcuni batteri non siano ancora stati uccisi o inibiti solo nella loro crescita. Di conseguenza, si moltiplicano nuovamente dopo l’interruzione dell’antibiotico e utilizzano le informazioni contenute nell’antibiotico per proteggersi da un attacco futuro. Quindi ne impari. Le nuove generazioni di batteri sono quindi considerate resistenti all’antibiotico usato.

Questo problema sta crescendo. Alcuni ceppi di batteri sono considerati multi-resistenti. Quindi sono resistenti a diversi antibiotici. Questo rende alcuni di essi non trattabili. Per questo motivo, vengono studiate terapie alternative.

E la dieta chetogenica?

Come è noto, la nutrizione svolge un ruolo importante in termini di salute e benessere generale. Ad esempio, la nutrizione chetogenica è uno strumento efficace contro l’insulino-resistenza nel diabete di tipo 2 e può essere utile nel trattamento dell’epilessia. Tuttavia, le proprietà positive della chetosi desiderata vanno ben oltre. Dalle migliori proprietà cognitive all’equilibrio ormonale e una buona flora intestinale, la dieta chetogenica può cambiare e migliorare la nostra vita in modo positivo.

Per quanto riguarda la dieta chetogenica, non è stata determinata alcuna influenza sul modo d’azione degli antibiotici. È quindi considerato innocuo quando si consumano farmaci. Una domanda, tuttavia, che molti si stanno ponendo, e giustamente, è se la dieta chetogenica possa aumentare il consumo di alimenti che contengono antibiotici.

I prodotti alimentari sospettati di contenere antibiotici comprendono principalmente prodotti animali come la carne. Spesso, questo è particolarmente vero per la produzione di massa, il cibo per animali domestici è arricchito con antibiotici, che dovrebbero accelerare la crescita. Ciò si traduce in una produzione più rapida e gli animali generalmente diventano più grandi, il che aumenta notevolmente il turnover del prodotto.

Tuttavia, se gli animali vengono nutriti con antibiotici, alcuni di essi vengono comprensibilmente immagazzinati nei loro corpi. In questo modo ci raggiungono sul piatto e nel nostro corpo.

Poiché anche la carne viene consumata nella dieta chetogenica, si potrebbe presumere che si stiano consumando più antibiotici indesiderati. Questo non deve essere! In ogni caso, che sia chetogeno o meno, dovresti prestare attenzione a quali prodotti animali acquisti. La regola generale è che dovrebbero essere preferiti gli alimenti biologici e regionali, dove le possibilità di antibiotici sono notevolmente inferiori. Inoltre, in Germania, a causa dei rigidi controlli, in entrambi i casi c’è meno carne sul mercato che è piena di medicine.

Per questo motivo, non ci si deve preoccupare troppo di questo aspetto, nemmeno con la dieta chetogenica.

Al contrario: la dieta chetogenica può persino aiutare il nostro corpo a sostenere i batteri buoni nell’intestino e contribuire così a una flora intestinale equilibrata, che può squilibrare gli antibiotici. Quando si assumono antibiotici, non solo i batteri cattivi che ci fanno ammalare vengono attaccati. L’effetto non è particolarmente selettivo al riguardo. Questo distrugge anche parzialmente i batteri buoni, che possono portare a uno squilibrio.

Questo problema può a sua volta portare a ulteriori complicazioni. Ad esempio, anche la salute dell’intestino è legata al peso. Se non abbiamo abbastanza batteri buoni, l’aumento di peso può essere incoraggiato. Ci sono alcuni studi su questo. Anche qui la dieta chetogenica aiuta. Può effettivamente aiutare a mantenere il nostro corpo e la flora intestinale sani e aiutarci a perdere peso in eccesso.

Conclusione

La dieta chetogenica è considerata sicura quando si tratta del consumo di antibiotici e, al contrario, può anche aiutare a promuovere e sostenere i buoni batteri intestinali colpiti dagli antibiotici. In questo modo, la dieta chetogenica ci aiuta a mantenere il nostro corpo sano e vigile.