Costipazione e dieta chetogenica

Quando adottano una dieta Keto / LCHF, molte persone sperimentano una riduzione del loro tasso di transito.

Costipazione occasionale

Il più delle volte, il problema è solo transitorio e collegato a un cambiamento nella dieta. Alcune modifiche molto semplici metteranno le cose in ordine:

  • supplementazione di magnesio,
  • consumo di olio di oliva o di cocco al mattino a stomaco vuoto prima di qualsiasi altro alimento
  • consumo significativo di verdure verdi, il meno ricco di carboidrati ma il più ricco di fibre, come insalata, indivia, spinaci, …
  • consumo di psillio e semi di lino. Esiste una ricetta molto semplice per i cracker di semi di lino e psillio, che spesso aiutano a ripristinare il transito regolare.

Costipazione installata

Per altri, la tendenza alla costipazione esisteva già prima, e si devono quindi identificare le cause alla radice per migliorare la funzione di eliminazione che è cruciale nella digestione.

L’intestino è costituito da villi molto fini, ripiegati su se stessi, che, se fossero posti uno accanto all’altro, coprirebbero un campo da calcio. Sono disposti secondo una cosiddetta “giunzione stretta”, vale a dire una specie di rete sufficientemente porosa da consentire il passaggio di cibo ben digerito, ma sufficientemente stretta da impedire il passaggio di cibo e rifiuti non digeriti (bile , fibre, cellule morte, tossine, batteri morti).

Per rendere più semplice la suddivisione del cibo in nutrienti, ci sono miliardi di batteri che compongono il microbiota.

Simbiosi intestinale

Quando tutto va bene, viviamo in simbiosi con loro, vale a dire che sopravvivono grazie a noi e che, in cambio, beneficiamo del loro lavoro di decomposizione. Ma a volte batteri e lieviti patogeni si depositano in grandi quantità, non lasciando spazio a batteri buoni. Questo stato viene quindi chiamato disbiosi, perché soffriamo della presenza di questi intrusi.

Disbiosi intestinale

Copio qui l’estratto di un libro che spiega come funziona:

Innanzitutto, che cos’è la disbiosi intestinale? È uno squilibrio nella microflora intestinale (2 kg di batteri buoni e meno buoni in tutto, che producono, per alcuni (batteri saccarolitici, che agiscono sui carboidrati), una fermentazione predominante nella prima parte del colon ( colon ascendente destro) Questa fermentazione si indebolisce gradualmente, per lasciare il posto a una putrefazione predominante (con batteri proteolitici, che agiscono sugli aminoacidi delle proteine, nel colon discendente terminale sinistro).

Questi due percorsi biochimici (putrefazione come fermentazione, tendono verso lo stesso obiettivo: produrre acidi grassi a catena corta, gli SCFA (Acidi grassi a catena corta), sintetizzati lungo tutto il colon (butirrato, ad esempio, che serve come cibo per i colonociti.) Quando un individuo funziona bene, c’è un equilibrio tra la microflora della fermentazione e quella della putrefazione.

Ma quando una di queste due microflora domina l’altra, si dice che c’è disbiosi intestinale (può essere una disbiosi di fermentazione o putrefazione).
Troppi carboidrati (zuccheri semplici e complessi) nella dieta e si tende verso una disbiosi della fermentazione; quando parliamo di quest’ultimo, dobbiamo immediatamente pensare ai batteri saccarolitici e specialmente ai LIEVITI (Candida albicans in particolare, i lieviti essendo microrganismi che fermentano i carboidrati).
Troppe proteine ​​nella dieta, e questa è la disbiosi putrefattiva. La disbiosi della fermentazione tende a dare molto gas e gonfiore (dovuto al lievito); la disbiosi putrefattiva, anche se a volte si gonfia, emetterà gas maleodoranti.

Dott. Georges Mouton, ecosistema intestinale e salute ottimale, 2013

Noterai dalla lettura di questo estratto che la fermentazione è legata ai carboidrati. Adottando la dieta Keto / LCHF, sei ovviamente meno a rischio di soffrire di questo problema e spesso le persone che soffrono di candidosi vedono diminuire i loro sintomi.

Candidosi

I sintomi della candidosi sono: voglie di zucchero, infezione da lievito nei piedi, infezione da lievito vaginale o intestinale (con prurito anale), sindrome dell’intestino irritabile, cistite, costipazione, lombalgia (da infiammazione intestinale), costipazione, …

Esistono trattamenti naturali per sradicare la candida:

  • estratto di semi di pompelmo. Attenzione: è preferibile prenderlo a distanza dai farmaci perché può annullarne gli effetti. Un altro avvertimento: il gusto molto forte è piuttosto spiacevole, è meglio sceglierlo sotto forma di capsule o compresse che in gocce.
  • Lattoferrina: proteine ​​del siero di latte, che possono essere assunte in capsule, per la sua azione battericida.
  • Olio di ricino: che funziona bene in sinergia con l’estratto di semi di pompelmo per sradicare la candida. È anche abbastanza lassativo.
  • Oli essenziali di origano, timo, internamente. Attenzione: questi HE sono molto concentrati, molto potenti e devi limitarti, se li consumi internamente con 2 gocce diluite in un cucchiaino di olio al giorno.

Probiotici e prebiotici

Per migliorare la disbiosi intestinale, si consiglia di consumare probiotici di diverso tipo, in particolare assumendo cibi lievitati (crauti crudi, kimchi, sottaceti o cetrioli lievitati naturali e non pastorizzati, kefir, kombucha). Questi alimenti contengono naturalmente probiotici che ripopolano l’intestino e riequilibrano il microbiota.

È anche preferibile consumare verdure che sono appena sciacquate (e di origine organica), o addirittura spazzolate, per beneficiare dei microrganismi della terra. Qualsiasi eccesso di igiene, l’uso di disinfettante antibatterico impoverisce il microbiota. La candeggina per uso domestico distrugge anche la fauna batterica. È possibile utilizzare prodotti per la pulizia naturali che lo preservano: a base di aceto bianco, bicarbonato di api, cera d’api, acido citrico …

I prebiotici sono fibre alimentari che svolgono un ruolo essenziale: alimentano i batteri intestinali buoni. Questi sono oligo-fruttani, inuline, amidi resistenti, frutto-oligosaccaridi, …

Si trovano in aglio crudo e cipolla, carciofi crudi di Gerusalemme, fecola di patate fredda, farina di banana verde e in proporzioni più piccole in molte verdure, come porri, asparagi, fagiolini, finocchi, cavoli, broccoli, carciofi. Anche lino, semi oleosi e frutti rossi lo contengono.

Sindrome dell’intestino irritabile

Ma alcune persone sono molto sensibili a queste fibre ea ciò che viene generalmente chiamato FODMAPS (cibo fermentabile). Queste persone generalmente soffrono di sindrome dell’intestino irritabile e si alternano tra costipazione e diarrea. La causa della sindrome dell’intestino irritabile si trova nell’area della porosità intestinale. I legami stretti della maglia citati all’inizio dell’articolo sono diventati troppo larghi, l’intestino non filtra più bene il cibo non digerito e lascia passare anche le tossine, causando infiammazione e dolore.

Sono anche possibili diversi modi per trattare la parete intestinale e ripristinarne la funzione iniziale:

  • affollamento di Fodmaps (tutti i prebiotici);
  • affollamento di glutine e caseina (il glutine è la proteina del grano e di altri cereali, la caseina la proteina nei latticini);
  • ripristino della parete intestinale con brodi ossei, ricchi di glutammina, con il consumo di aloe vera.

Alcune persone si rendono conto che non è consumando più fibre che migliora il loro transito, ma al contrario diminuendole, almeno mentre il loro intestino recupera la loro salute iniziale.

Piste meccaniche

Per concludere questo articolo, ci sono anche modi meccanici per ripristinare la peristalsi intestinale, il movimento ondulatorio dell’intestino che consente ai contenuti intestinali di andare avanti:

  • respirazione ventrale profonda, che esercita un massaggio sull’intestino; insistendo sulle scadenze, stimoliamo il sistema para-simpatico, responsabile del funzionamento intestinale.
  • camminare e movimento verticale in generale (al contrario, la posizione seduta blocca il naturale funzionamento dell’intestino);
  • anche posture yoga molto efficaci.

E infine, il prodotto che funziona sulla maggior parte delle persone senza rischi: cloruro di magnesio. Si trova nelle farmacie senza prescrizione medica o nei negozi biologici in forma naturale, nagiri.

A piccole dosi, facilita la peristalsi intestinale e ad alte dosi, agisce come una purga. Per evitare il gusto amaro, preferisco la versione Chlorumagen, un precursore del cloruro di magnesio, con un gusto neutro e un’efficacia simile.

fonti:

Lauwers, Taty, Sortir de la cacophonie gastric, ed. Alladin, 2017

https://www.alternativesante.fr/candidose/la-candidose-chronique-une-maladie-insidieuse-et-mal-diagnostiquee

https://www.lanutrition.fr/interviews/georges-mouton-l-les-maladies-auto-immunes-et-les-allergies-sont-liees-aux-dereglements-intestinaux-r

Brodo di ossa, perché consumarlo

Le sel de Nigari